I Giapponesi e le mascherine

Moltissimi giapponesi escono di casa con una mascherina

Mascherine in Giappone

Leggendo un articolo sul web giapponese Yumichan ha sottolineato che una delle maggiori "stranezze", che noi occidentali attribuiamo ai Giapponesi, à il disinvolto e frequente utilizzo che viene fatto da questi delle mascherine "chirurgiche"...
Dopo di che mi ha raccontato che effettivamente in molti, nel Paese del sol levante, utilizzano queste anche tutti i giorni, a prescindere da situazione climatica o di salute, al punto che da un 18% di "mascherati" abituali nel 2008 già nel 2012 si à superata la soglia del 32%! E'così che molti stranieri credono che in Giappone ci sia qualche stano morbo da cui si tenta di proteggersi, mentre altri attribuiscono questo ad un eccesso di precauzione ed igiene in stile tutto giapponese.

Leggi tutto...

Privacy e giustizia in Giappone

Giustizia fai da te nel Sol levante

taccheggiatore

Un fatto di cronaca sta dividendo l'opinione pubblica Giapponese in questo periodo, pare, infatti, che un signore sia entrato in un'importante catena di negozi di Tokyo dove si vendono fumetti e gadget a questo mondo legati, il "Madarake" (il nostro Mandrake), ed abbia rubato una statuetta che ritrae Super Robot 28, un automa d'acciaio nato dalla fantasia di Mitsuteru Yokoyama nel 1956 e protagonista di più serie di cartoni animati, ma davvero poco conosciuto al di fuori del Paese del sol levante, un robot d'altri tempi inventato da uno scienziato ormai morto, ma teleguidato dal figlio di questo per la salvezza del Giappone e dell'umanità (questa storia l'abbiamo già sentita).
I titolari del negozio, essendo la miniatura un pezzo raro del valore di quasi 2000€, hanno visto bene di cercare di recuperare il maltolto affidandosi alla polizia ed alla propria iniziativa e così nell'home-page del loro sito web hanno messo un fotogramma del filmato del video di sorveglianza che ritraeva il nostro Arsenio Lupin dei manga, ma con il volto camuffato da una dissolvenza, minacciando di togliere il velo a metà agosto, rendendolo così visibile e noto a tutti...

Leggi tutto...

Il Giappone ed il lavoro

Quest'articolo nasce da una curiosità di mio padre, che, un mese fa circa, mi spronò a parlare dell'abnegazione che hanno i Giapponesi nel lavoro; dopo averlo scritto glielo feci rileggere e così ebbe modo di suggerirmi un paio di correzioni sintattiche, da bravo professore di lettere in pensione e dirsi interessato per quanto aveva letto; dopo poche ore, per un aggravarsi di una brutta malattia, se ne è andato. Oggi dopo circa due settimane sento il dovere di pubblicare questo post e di dedicarlo a lui.

Lavoro come motore del Paese del sol Levante

team di lavoro in Giappone

Quando pensiamo ai Giapponesi, oltre ai Samurai ed al sushi, probabilmente molti di noi credono anche ad infaticabili lavoratori, forza e motore dell'economia del Sol levante e, se tante cose che si dicono su questo lontano paese sono dei luoghi comuni, questa è, invece, un'indiscutibile verità.
Già all'origine, l'approccio col lavoro pare essere differente tra i paesi occidentali e quelli asiatici; se infatti a noi Dio ha detto che avremmo lavorato con dolore e sudore per guadagnare il pane da mangiare, in oriente il saggio Confucio diceva che se uno sceglie il lavoro che ama, in pratica non lavorerà mai, neanche per un giorno in tutta la sua vita. Se questo è detto per sorridere un po' è senz'altro vero che in Giappone il lavoro non è visto come una costrizione, ma come un dovere, a cui, come spesso mi ricorda la nostra Yumiko, non ci si può sottrarre pena non essere un vero Giapponese.
Il lavoro è, infatti, per un Giapponese oltre al mezzo per sostentarsi un dovere sociale e un legame generazionale in un mondo ove ciascuno ha il suo ruolo preciso che serve a far marciare l'ingranaggio sociale. E' per questo che l'azienda prende in un certo senso il posto della famiglia ed il singolo subisce la pressione del gruppo; pensate infatti che per non arrecare disturbo ai colleghi molti riducono all'osso i giorni di ferie consecutivi e tutti sono davvero oculati nel prendere anche un solo permesso di malattia...
E' per questo motivo che vediamo i gruppi di Giapponesi fare il giro d'Italia in 7 giorni, perchè quasi nessuno ha più di una settimana di ferie consecutiva, per non pesare con un'assenza prolungata sui colleghi e sulla ditta e non perchè siano piccoli robot dai ritmi forsennati anche nel corso delle vacanze...

Leggi tutto...

Una rilettura della costituzione giapponese

Il popolo giapponese ha rinunciato per sempre alla guerra...

Il Generale Mac Arthur e l'Imperatore Hirohito

Chi segue le vicende che avvengono nel Paese del sol levante, in questi giorni, non avrà potuto far a meno di vedere che in Giappone ci sono state manifestazioni pacifiste contro decisioni prese dall'attuale governo...Incuriosito dal divenire degli eventi, sono andato a documentarmi un po' di più. Il 3 luglio scorso, infatti, la "dieta" giapponese ha dato mandato al governo di intendere in modo un po' differente, rispetto alla precedente interpretazione, il senso dell'articolo 9 della costituzione, (quello dove si proclama la rinunzia alla guerra) dando modo di interpretare che le forze armate del Giappone potranno difendere gli alleati sotto attacco con la formula della “autodifesa collettiva".
Quando, nel 1946, a meno di un anno dalla fine del secondo conflitto mondiale, ai Giapponesi, incapaci di modificare drasticamente lo statuto costituzionale Meiji, gli occupanti americani dettarono una nuova costituzione, di stile britannico liberale, subito dopo aver definito la natura umana e fallibile dell'imperatore, già all'articolo 9 si affermò: "Aspirando sinceramente ad una pace internazionale fondata sulla giustizia e sull'ordine, il popolo giapponese rinunzia per sempre alla guerra, quale diritto sovrano della Nazione, ed alla minaccia o all'uso della forza, quale mezzo per risolvere le controversie internazionali.
Per conseguire, l'obbiettivo proclamato nel comma precedente, non saranno mantenute forze di terra, del mare e dell'aria, e nemmeno altri mezzi bellici. Il diritto di belligeranza dello Stato non sarà riconosciuto."

Leggi tutto...

Donne e politica in Giappone

Donne e politica in Giappone

Una cultura maschilista caratterizza i palazzi del potere nipponci

Blog: la condizione di genere in Giappone

Un avvenimento nelle ultime settimane ha tenuto banco sui media nipponici mettendo in rilievo lo stato della condizione femminile nel Paese del sol levante in questo inizio di XXI secolo:
Il 18 giugno scorso, durante il consiglio della municipalità di Tokyo, ha preso la parola la deputata Shiomura Ayaka, sull'argomento della difficoltà delle donne che lavorano e che vivono nella capitale nipponica, dove non esiste più un rapporto tra vicini di casa ed i parenti sono spesso lontani, nel riuscire a seguire in modo consono i propri figli. Ebbene, la deputata si è vista interropere da un frase che distintamente la invitava a sposarsi e a proliferare personalmente per poi tornare in aula ad esporre l'argomento...al che, come tra i banchi di scuola, si è alzato il brusio dei presenti e sono fioccatti altri commenti sempre dello stesso tono...che la invitavano, come si diceva dalle nostre parti ormai un po' di tempo fa, a stare a casa a far la maglia.
Nel consiglio della municipalità è stata poi sciolta la seduta e l'incidente sarebbe rimasto nel silezio se non fosse stata presente la stampa che, scandalizzata, ha portato alla luce il fatto mettendo in risalto la grande difficoltà che hanno le donne a trovare un ruolo paritario con gli uomini in una società che per secoli le ha viste solamente come silenti madri di abbondante prole.
E' così che, subito, si è andati alla ricerca di chi aveva detto la frase incriminata, ed i giornalisti sono corsi ad intervistare sopratutto un deputato sul quale si addensavano i maggiori sospetti, ma che si scherniva dicendosi favorevole a scoprire chi si fosse lascianto andare ad una simile intemperanza, concludendo che il colpevole aveva l'obbligo morale di dimettersi.
Circa una settimana dopo, il consigliere ha dovuto ammettere che era stato lui stesso a commettere il fatto, per cui è stato costretto, a pubbliche scuse...con tanto di foto che hanno fatto il giro del mondo e sono arrivate fino da noi nel Bel Paese. Le scuse sono state accettate dall'interessata, la quale ha però detto che sarebbe stato meglio se fossero giunte subito, ben sapendo che il partito della signora Shiomura Ayaka aveva a disposizione solo le prime 48 ore per chiedere le dimissioni di chi aveva avuto un atteggiamento irrispettoso nei suoi riguardi.
Il deputato, così, pur allontanato dal proprio gruppo per il momentaneo clamore e disonore, si è visto bene dal dimettersi...

Leggi tutto...

Guide

Novità Blog

I Giapponesi e le mascherine

Giapponesi con mascherine

Giapponesi con mascherine

Moltissimi giapponesi escono di casa con una mascherina
Leggendo un articolo sul web giapponese Yumichan ha sottolineato che una delle maggiori "stranezze", che noi occidentali attribuiamo ai Giapponesi...
leggi tutto...

Privacy e giustizia in Giappone.

Taccheggiatore in Giappone

Blog: Taccheggiatore in Giappone

Privacy e giustizia in Giappone
Un fatto di cronaca sta dividendo l'opinione pubblica Giapponese in questo periodo, pare, che un signore sia entrato in un'importante catena di negozi di Tokyo...
leggi tutto...

Il lavoro in Giappone

Gente che va al lavoro in Giappone

Gente che va al lavoro in Giappone

Lavoro motore del Sol levante
Quando pensiamo ai Giapponesi, oltre ai Samurai ed al sushi, probabilmente molti di noi credono anche ad infaticabili lavoratori...
leggi tutto...

Diari di Viaggio

Magica Kyoto!

image

image

La villa imperiale di Shugakuin
La mattina dopo aver fatto una grandissima colazione, c'è anche il cuoco che fa le omelette in sala e ne approfittiamo...
leggi tutto...

Alla scoperta di Nagasaki.

image

image

Un antico tempio
Prendiamo un espresso che copre in un ora e cinquanta minuti i 150km che ci separano da Nagasaki: il treno è nuovo, comodo...
leggi tutto...

Seguici su g+